Arriving Somewhere… not here

­

Andrei ha10 anni e fino a poco tempo fa conduceva la vita normale e spensierata che ogni bimbo della sua età dovrebbe avere.

Poi la crisi economica, il padre che perde il lavoro, la mamma costretta a lasciarlo per un impiego in Italia.

In pochi mesi la mancanza della madre si trasforma in un pesante fardello emotivo, che unito ai problemi di un padre vittima dell’alcool, diventa insostenibile. La presenza dei suoi parenti ed il forte legame con la sua terra di origine, non basta a colmare il vuoto che sente; siamo alla soglia della depressione.

Andrei riesce a raggiungere la mamma in Italia, dopo una lunga e penosa battaglia legale tra i suoi genitori, ma quello che sembrava un lieto fine, è invece l’inizio di una nuova esistenza in cui tutto è diverso, le aspettative si tramutano in delusioni.

La nostalgia delle sue vecchie abitudini e la difficoltà di integrarsi nella nuova società, genera in lui un forte disagio; a peggiorare la situazione, il mancato sbocciare di un rapporto con il nuovo compagno della mamma.

Andrei si chiude in se stesso, isolandosi in una prigionia mentale e fisica; difficilmente lascia quella casa che non sente neanche sua, ma che al momento sembra davvero l’unico rifugio.

Il suo corpo è in Italia, il suo spirito è ancora lì, nella sua Romania, perchè Andrei è arrivato da qualche parte, ma non qui…

 

 

­

Andrei is a 10 year-old boy and just a while ago he was living the cheerful life that every child deserves to live.

With the occurrence of the economic crisis his father got fired and his mum moved to Italy to find a job.

Over the months, the absence of his mother as well as his father’s alcohol abuse had become a tough burden to bear. The presence of his relatives and the strong affection to his motherland cannot fill the emptiness inside him.

After a long and painful lawsuit between his parents, Andrei finally catches up with his mother in Italy but what seems to be a happy ending is actually the beginning of a new life where everything looks different and where expectations turn into delusions.

Andrei deeply misses his old habits and finds it difficult to integrate into the new society. This generates a strong discomfort that gets even worse because of the arduous relationship between the boy and his mother’s new partner.

Andrei shuts himself out, avoids people and isolates himself into a mental and physical cage. He hardly ever leaves the flat that, although it does not feel like home, it is the only refuge he has.

His body is in Italy but his spirit is still there in Romany, since Andrei has arrived somewhere but not here…